Vai al contenuto

Gli Enti di certificazione stranieri: gli accordi di mutuo riconoscimento

3 febbraio 2010

Sincert = Accredia
Per garantire l’efficacia del processo di accreditamento e la qualità della filiera che ne deriva fino ai prodotti/servizi finali destinati al mercato, gli Enti di Accreditamento devono operare in conformità alle Norme e Guide ad essi applicabili e devono fornire evidenza di tale conformità.

Un primo controllo sull’operato degli Enti di Accreditamento è assicurato dall’azione di indirizzo e sorveglianza svolta dagli stakeholders (fra cui le Pubbliche Autorità) generalmente presenti negli organi di governo di detti Enti. Trattandosi però di un controllo «interno», esso potrebbe non risultare esente da «sospetti» di «autoreferenzialità». Conscio di tale limitazione, il sistema internazionale di accreditamento volontario ha posto in atto opportuni meccanismi di controllo «esterno» che sono rappresentanti dalla partecipazione degli Enti di Accreditamento ad apposite Organizzazioni internazionali – quali EA (European Cooperation for Accreditation), IAF (International Accreditation Forum) ed ILAC ( International Laboratory Accreditation Cooperation) – e, in tali ambiti, dalla sottoscrizione degli Accordi di Mutuo Riconoscimento (MLA) gestiti dalle Organizzazioni suddette. Per essere membri di EA (o IAF, ILAC), gli Enti di Accreditamento devono fornire evidenza della loro concreta operatività e questa deve risultare conforme (quanto meno su base documentale) ai requisiti delle Norme e Guide applicabili.

Gli Enti di Accreditamento membri di EA (e IAF, ILAC) possono entrare a far parte degli Accordi di Mutuo Riconoscimento (MLA) (relativi alle diverse tipologie di accreditamento: accreditamento delle attività di taratura, delle attività di prova, certificazioni di prodotti, certificazioni di sistemi di gestione per la qualità, certificazioni di sistemi di gestione ambientale, certificazioni di personale, ispezioni), solo dopo essere stati sottoposti, con esito positivo, ad uno specifico ed accurato processo di valutazione (Pree Assessment).

Tale valutazione è condotta da parte di un Gruppo di Verifica Ispettiva composto da Valutatori designati da appositi Organi collegiali (i cosiddetti Comitati MLA), scelti fra esperti inscritti in appositi elenchi ed espressi dagli stessi membri di EA (o IAF, ILAC). Essa ha lo scopo di accertare che l’Ente valutato operi in piena conformità alle prescrizioni delle Norme Europee (internazionali) e apposite Guide EA (IAF, ILAC) applicabili.
Tratto dal sito sincert.
Per ulteriori informazioni puoi contattare il nostro studio

Ing. Claudio Amich

 

Share

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: